Archivi dei tag: Frate Alessandro Brustenghi

Frate Alessandro canta a Cavarzere – Comunicato stampa

Comunicato stampa

 

FrateAlessandroCavarzere

Frate Alessandro canta a Cavarzere


Sabato 21 Giugno, ore 21
 Duomo di San Mauro
 Fratello Sole, Sorella Luna – Frate Alessandro
 Ingresso libero
 Informazioni: 349.62.09.712
 info@concettoarmonico.it

 

 

 

Frate Alessandro terrà un concerto di musica sacra, in programma per le 21 di sabato 21 giugno, nel Duomo di Cavarzere. Una serata di preghiera attraverso la musica, grazie agli artisti presenti.

Insieme a Frate Alessandro saranno a Cavarzere per l’occasione il soprano Antonella Casarotto e la Schola Poliphonica del Santuario di Monte Berico (Vicenza) diretta dal M° Silvia Fabbian, il tutto accompagnato all’organo dal maestro Denis Zanotto.

Il programma del concerto prevede l’esecuzione di brani tratti dal repertorio sacro, di alcuni compositori tra i più grandi e apprezzati di sempre, come Schubert, Franck, Mozart e Verdi. La serata si propone di raccogliere fondi da destinare alla cultura musicale, in particolar modo per aiutare, con alcune borse di studio, i giovani che intendono perfezionarsi nel campo musicale e lirico. La presentazione della serata è affidata a Nicla Sguotti, giornalista e storico della musica, che accompagnerà i presenti in un viaggio musicale ricco di momenti particolarmente suggestivi.

Frate Alessandro, un cantante che ha registrato il suo album di debutto con la “Decca”, storica casa discografica britannica, presso gli studi di registrazione di Abbey Road, dove erano di casa i Beatles. Il suo disco d’esordio Frate Alessandro, La voce di Assisi ha venduto centinaia di migliaia di copie in tutto il mondo, è rimasto per più di un mese in prima posizione nelle classifiche del Regno Unito ed è stato riconosciuto come primo album di musica sacra del 2012. A fine 2013 esce il suo secondo album a cui fa seguito una tournée negli Stati Uniti ricca di successi.

Eppure, Frate Alessandro dice di non essersi ancora abituato a “sorella notorietà”, anzi ne parla come di un “sacrificio”, e confessa di sentirsi piuttosto “chiamato a una vita semplice, ritirata con poche cose”.
Nato a Perugia il 21 aprile 1978, all’età di 21 anni decise di donare la vita al Signore e al servizio del Suo Regno seguendolo sui passi di Francesco d’Assisi nell’Ordine dei Frati Minori. Proprio in questa Famiglia religiosa nel settembre del 2009 ha emesso, nella Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, la professione perpetua dei voti.

Il concerto è organizzato dall’Associazione Culturale Concetto Armonico di Rottanova, reduce dal grandioso successo, gli scorsi 7 e 8 giugno presso il Teatro Tullio Serafin, per la rappresentazione della celebre opera di Rossini “Il barbiere di Siviglia”. La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Cavarzere.

 

 

Concetto Armonico, segreteria e ufficio stampa
 Dott. Guido Faggion
 Cellulare 329.32.65.095
 Mail: ufficiostampa@concettoarmonico.it

Vicenza in Lirica 2014 – Frate Alessandro – Comunicato stampa

topinvito

 

Comunicato stampa

Frate Alessandro inaugura Vicenza in Lirica

Domenica 22 Giugno, ore 21
Chiesa di San Lorenzo
Laudato Sii – Frate Alessandro Brustenghi
Ingresso € 10
Informazioni: 349.62.09.712
info@vicenzainlirica.it

L’associazione culturale Concetto Armonico, in occasione del festival musicale “Vicenza in Lirica 2014”, realizzato in collaborazione con il Comune di Vicenza, porta in città un artista straordinario sia per le sue doti vocali che per la sua esperienza di vita: Frate Alessandro Brustenghi.
Ad accompagnare il tenore, il soprano Lucia Sartori e la Schola Poliphonicadel Santuario di  Monte Berico diretta dal M° Silvia Fabbian con all’organo il M° Denis Zanotto. Presenta la serata Sara Pinna.

Frate Alessandro, un cantante che ha registrato il suo album di debutto con la “Decca”, storica casa discografica britannica, presso gli studi di registrazione di Abbey Road, dove erano di casa i Beatles. Il suo disco d’esordio Frate Alessandro, La voce di Assisi ha venduto centinaia di migliaia di copie in tutto il mondo, è rimasto per più di un mese in prima posizione nelle classifiche del Regno Unito ed è stato riconosciuto come primo album di musica sacra del 2012. A fine 2013 esce il suo secondo album a cui fa seguito una tournée negli Stati Uniti ricca di successi.
Eppure, Frate Alessandro dice di non essersi ancora abituato a “sorella notorietà”, anzi ne parla come di un “sacrificio”, e confessa di sentirsi piuttosto “chiamato a una vita semplice, ritirata con poche cose”.
Nato a Perugia il 21 aprile 1978, all’età di 21 anni decise di donare la vita al Signore e al servizio del Suo Regno seguendolo sui passi di Francesco d’Assisi nell’Ordine dei Frati Minori. Proprio in questa Famiglia religiosa nel settembre del 2009 ha emesso, nella Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, la professione perpetua dei voti.

Il concerto “Laudato sii” si svolgerà presso la Chiesa di San Lorenzo a Vicenza domenica 22 giugno 2014 alle ore 21. Biglietto di ingresso di euro 10,00 acquistabile direttamente all’ingresso della Chiesa la sera del concerto.

 

 

Concetto Armonico, segreteria e ufficio stampa
 Dott. Guido Faggion
 Cellulare 329.32.65.095
 Mail: ufficiostampa@concettoarmonico.it
Il logo di “Vicenza in Lirica” contiene il particolare dell'opera "La lezione di musica" di Pietro Longhi (1760-1770 ca.) © Collezione Intesa Sanpaolo, Gallerie d’Italia - Palazzo Leoni Montanari, Vicenza.
La copertina di Vicenza in Lirica 2014 contiene il particolare dell'opera “La nave azzurra (Vicenza - Basilica Palladiana)” di Graziano Tessarolo, olio su tavola, 2009. Collezione privata, per gentile concessione dell'autore.

Intervista al tenore divino Frate Alessandro

di Eva Purelli*

Eva Purelli: La sua simpatia è immediata, spontanea, come il sorriso franco che sa conquistare chiunque, assieme alla gioia di stare assieme, a tavola, raccontando spassose barzellette. E la serenità dello sguardo racconta di una pace interiore conquistata dopo una complicata ricerca (come lo fu per San Francesco). Frate Alessandro Giacomo Brustenghi, nato a Perugia il 21 aprile 1978 è stato catapultato in breve tempo dalla pace serafica della storica Porziuncola di San Francesco e dalla Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Assisi (dove prese i voti nell’Ordine dei Frati Minori nel settembre 2009)al mondo luccicante dello show-business discografico. Il suo disco “Frate Alessandro La voce di Assisi” ha venduto centinaia di migliaia di copie in tutto il mondo, è rimasto al primo posto della parade in Inghilterra, dove lo scorso ottobre il tenore umbro era di casa nei mitici studi di registrazione di Abbey Road. Dopo di allora, un disco d’oro in Italia, in Francia e un successo crescente in Spagna, America, Australia. Passaggi televisivi, interviste, libri.
Ci racconti una giornata-tipo di Frate Alessandro, prima che divenisse famoso. E dopo.

Frate Alessandro: Non è cambiato in sostanza nulla, come prima faccio servizio in Santuario e in portineria, e la scansione della mia giornata è uguale a quella dei miei fratelli: sveglia alle 6,30, Lodi, Messa, preghiere comunitarie. La novità è che due giorni la settimana insegno canto, in Convento, ai fratelli e agli esterni. A ciò si aggiungono gli impegni dei miei concerti, le interviste, gli incontri per le organizzazioni, i momenti dedicati all’ascolto di chiunque abbia problemi o voglia confidarsi (anche se non sono Direttore spirituale).

E. P.: Riesce a trovare il tempo anche per lo studio?

F. A.: In Convento, magari dopo cena, ho per fortuna un luogo isolato. Io dormo poco, dalle 3 alle 5 ore e per rilassarmi faccio il falegname, restaurando harmonium; il lavoro manuale rieduca e riequilibria la mia passione, perché la musica è interna ma implica enorme impegno di concentrazione.

E. P.: E’ definito un tenore divino, ma che studi ha fatto, terreni…?

F. A.: A 9 anni mi sono iscritto al Conservatorio di Perugia per studiare organo elettronico, poi mi sono rivolto ad organo e composizione e infine alla classe di canto. Devo tutto a Gabriella Rossi, mia professoressa di canto, con lei mi sono diplomato e nel frattempo ho studiato Teologia ed entravo ed uscivo dal Convento! La qualità della voce è naturale ma il risultato è frutto di tanto studio, che continua.

E. P.: Sembra che il diavolo la tenti con la fama, la ricchezza…ora che è cosi popolare.

F. A.: Anche lavando i piatti in Convento puoi avere le identiche tentazioni per giocarti l’eternità. Ringrazio invece Dio che col canto realizza di più la mia vocazione. Il canto è una totale esperienza spirituale”.

E. P.: I suoi modelli nel canto quali sono?

F. A.: Cerco di imparare da ciascuno, il segreto è essere se’ stessi: più sei originale e più sai trasmettere con sincerità.

E. P.: Cosa teme di più: perdere la fede o la voce?

F. A.: Quando morirò la voce la perderò, per la Fede, non penso di averne così tanta…!

E. P.: Cosa pensa delle chitarre rock a Messa?

F. A.: La musica sacra e liturgica ha i caratteri della santità, della vera arte e dell’universalità, purtroppo tutti lo hanno scordato. Perciò l’Eucarestia non è uno scherzo ed è necessaria la distinzione fra il profano. A volte mi chiedono di cantare brani operistici, a Messa. Io ho sempre rifiutato. La liturgia col Gregoriano, l’opera e la musica moderna si possono fare a parte, in concerto.

E. P.: Lei ha un sito, è in Facebook e twitta…non è ‘troppo’ moderno?

F. A.: I Social network sono mezzi di comunicazione, non di conoscenza. Trattiamoli per quello che sono, altrimenti rischiano di illudere e poi deludere!

E. P.: Cosa la soddisfa alla fine di ogni suo concerto?

F. A.: Mi commuove la bellezza della gente venuta ad ascoltarmi. E’ come se davanti avessi la storia di ciascuno. La musica ci fa unire, gli applausi ringraziano me, ma io non posso che applaudire e ringraziare Dio”

E. P.: Conosceva Vicenza? E il M° Fracasso e gli artisti che hanno lavorato con lei in concerto?

F. A.: Ero venuto per la Fiera Koiné in aprile, ho visto un po’ il centro, molto bello. E’ stato entusiasmante lavorare per la prima volta con il Maestro e con il suo Coro, con la pianista Carta e con il soprano Casarotto. La forza di questi nuovi incontri è la condivisione (anche in umanità) della meraviglia della bellezza della musica.

 

(intervista realizzata in occasione del concerto benefico: “Frate Alessandro – Laudato Sii” svoltosi domenica 14 luglio 2013 nella Chiesa di Santa Corona all’interno degli eventi di “Vicenza in Lirica 2013”)

Vicenza in Lirica dal 14 al 27 luglio 2013

Comunicato stampa

 

Scarica il comunicato stampa di Vicenza in Lirica in PDF

 

Vicenza in Lirica

dal 14 al 27 luglio 2013

Due settimane di canto e musica lirica a Vicenza

2 Master Class di canto lirico e canto da camera

2 concerti studio di musica sacra e da camera

3 incontri culturali

2 concerti finali degli allievi della Master Class

2 concerti collaterali

 

Un progetto dell’Associazione culturale “Concetto Armonico”

con il patrocinio della Regione del Veneto e del Comune di Vicenza

con l’ospitalità di “Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari”

 

 

Vicenza in Lirica è un progetto ideato dall’associazione culturale “Concetto Armonico” rivolto ai giovani che intendono approfondire gli studi del canto lirico e dell’opera, ma anche finalizzato alla promozione e diffusione della musica lirica a Vicenza, con una serie di eventi aperti al pubblico.

La realizzazione del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione delle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, sede museale di Intesa Sanpaolo, che ospitano il programma delle due Master Class, ovvero le lezioni di alta formazione tenute da professionisti di alto livello del mondo della musica lirica internazionale. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio della Regione del Veneto e del Comune di Vicenza. Importante, inoltre, il supporto del Lions La Rotonda di Vicenza che ha voluto sostenere l’impegno degli studenti con un contributo per la realizzazione delle lezioni.

Il programma di Vicenza in Lirica prevede due Master Class di canto aperte a studenti provenienti da tutto il mondo. La prima, dal 16 al 20 luglio, sarà tenuta dal M° Roberto Scandiuzzi, celebre basso che nella sua trentennale carriera è stato, ed è tuttora, protagonista nei principali teatri d’Opera del mondo. La seconda Master Class, di canto da camera, dal 23 al 27 luglio avrà come insegnante il pianista Norman Shetler, professore all’Università di Vienna e docente al Mozarteum di Salisburgo che può vantare oltre cento registrazioni discografiche che coprono quasi l’intero repertorio di Schubert e Schumann. Le lezioni si svolgeranno dal martedì al sabato, dalle 10 alle 18, alle  Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, Vicenza. La prima Master Class e relativi concerti sono accompagnati al pianoforte dal M° Federico Brunello, mentre la seconda con relativi concerti dal M° Fausto Di Benedetto.

Gli allievi iscritti sono giovani fra i 20 e i 30 anni provenienti da tutta Italia, ma anche dall’Argentina, dalla Corea, dal Messico e da altri paesi europei. Avranno modo di esibirsi in un concerto di studio a metà della settimana, il primo presso la Chiesa dei Servi, giovedì 18 luglio alle ore 21, ed il secondo presso l’Oratorio dei Proti, giovedì 25 luglio alle ore 17. In occasione del concerto del  25 luglio si svolgerà anche la presentazione del romanzo storico “Il segreto nello sguardo. Memorie di Rosalba Carriera prima pittrice d’Europa” della scrittrice vicentina Valentina Casarotto. Entrambe le Master Class si concluderanno con il concerto finale degli studenti che si esibiranno nei brani perfezionati durante la settimana di studio presso le Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, rispettivamente sabato 20 e sabato 27 luglio alle ore 17.

I concerti finali degli allievi saranno preceduti da una conferenza sui temi della musica e dell’opera lirica, sabato 20 e sabato 27 alle ore 16.00. Il primo incontro, a cura della dottoressa Nicla Sguotti, sarà dedicato alla figura del grande direttore d’orchestra Tullio Serafin che diresse la prima Aida del Festival Areniano di Verona di cui quest’anno ricorre il centenario. Il secondo incontro, con il professor Antonio Juvarra, esperto di tecnica vocale, sarà dedicato sul significato di “cantare l’opera”.

Ad aprire la rassegna di Vicenza in Lirica, un grande concerto domenica 14 luglio alle ore 21 presso il Tempio di Santa Corona a Vicenza che avrà come protagonista Frate Alessandro Brustenghi, frate francescano della Basilica di Santa Maria degli Angeli ad Assisi divenuto celebre in tutto il mondo con la pubblicazione del suo primo disco “Frate Alessandro, la voce di Assisi” che lo scorso anno ha raggiunto i vertici delle classifiche di vendita in Gran Bretagna. Frate Alessandro sarà accompagnato dal soprano Antonella Casarotto e dal “Coro di Vicenza” diretto dal maestro Giuliano Fracasso. Biglietto di ingresso di euro 10,00 acquistabile direttamente in chiesa prima del concerto oppure nei giorni precedenti presso la Libreria San Paolo in Corso Palladio. Il ricavato sarà devoluto alla “Comunità Shalom” di Brescia per la costruzione di un asilo nido per i bambini ospiti della comunità e per le famiglie bisognose.

Un secondo grande concerto, domenica 21 luglio alle ore 21 presso il Tempio di Santa Corona, vedrà protagonisti il Coro di Vicenza ed il controtenore Florian Lauss. In occasione di questo concerto verrà consegnato al maestro Giuliano Fracasso il premio alla carriera Concetto Armonico per la passione e la professionalità con cui ha saputo promuovere la musica a Vicenza negli ultimi 40 anni. Biglietto di ingresso di euro 8,00 acquistabile direttamente in chiesa prima del concerto. Il ricavato sarà destinato al fondo di borse di studio “Concetto Armonico”.

Il presidente di “Concetto Armonico”, il baritono Andrea Castello, si dice soddisfatto per la realizzazione di questo grande progetto che desidera portare la Lirica in città per 15 giorni. Un progetto condiviso e sostenuto sin da subito dalle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, che hanno voluto mettere a disposizione i prestigiosi spazi del palazzo.

L’obiettivo di Castello è quello di realizzare un vero e proprio appuntamento annuale a Vicenza con grandi nomi della lirica, in grado di affermarsi come evento di riferimento per le Master Class di canto ed in grado di coinvolgere un pubblico sempre più numeroso. Essere riusciti a portare a Vicenza dei nomi così prestigiosi del panorama musicale ed essere riusciti ad attrarre studenti da tutto il mondo, rappresenta già un successo per questa prima edizione di Vicenza in Lirica.

 

 

 

Per Informazioni:

Concetto Armonico, segreteria e ufficio stampa
Dott. Paolo Grigolo
Cellulare 338.69.13.507

Dott. Guido Faggion
Cellulare 329.32.65.095

Mail: ufficiostampa@concettoarmonico.it  – info@vicenzainlirica.it

Programma

Prima Master Class di canto lirico e canto da camera

Vicenza 14-27 luglio 2013

 

Domenica 14 luglio 2013 – ore 21

Chiesa di Santa Corona
Laudato Sii – Frate Alessandro

Concerto del tenore Frate Alessandro Brustenghi con il Coro di Vicenza diretto dal M° Giuliano Fracasso, il soprano Antonella Casarotto, accompagna al pianoforte il M° Silvia Carta.

Ingresso € 10,00 – Concerto benefico a favore della Comunità Shalom per la realizzazione di un asilo per i bambini ospiti della Comunità ed i bisognosi.

 

Martedi 16 – sabato 20 luglio 2013 – dalle ore 10 alle ore 18

Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari
Master Class di canto lirico con il M° Roberto Scandiuzzi. Accompagna al pianoforte il M° Federico Brunello.

 

Giovedi 18 luglio 2013 – ore 21

Chiesa dei Servi
Concerto di musica sacra degli allievi della Master Class di canto lirico del M° Roberto Scandiuzzi. Accompagna al pianoforte il M° Federico Brunello.

Ingresso libero.

 

Sabato 20 luglio 2013

Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari
Tullio Serafin, Direttore modello – ore 16

In occasione del centenario del Festival Areniano, un ricordo del grande Maestro Tullio Serafin che diresse la prima opera rappresentata in Arena, il 10 agosto 1913. Successore di Toscanini alla Scala, per un decennio direttore principale al Metropolitan di New York e poi all’Opera di Roma. Serafin scoprì e fece conoscere al mondo Maria Callas. A cura della musicologa dottoressa Nicla Sguotti.

 

 

Concerto finale della Master Class del M° Roberto Scandiuzzi – ore 17

Gli allievi della Master Class di canto lirico si esibiscono nelle arie d’opera perfezionate durante la settimana di studio con il M° Roberto Scandiuzzi. Accompagna al pianoforte il M° Federico Brunello.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

 

Domenica 21 luglio 2013 – ore 21

Chiesa di Santa Corona
Concerto di musica sacra con il Coro di Vicenza e il controtenore Florian Lauss. Accompagna al pianoforte il M° Fausto Di Benedetto.

Consegna del premio Concetto Armonico alla carriera al M° Giuliano Fracasso per la passione e la professionalità con cui ha saputo promuovere la musica a Vicenza negli ultimi 40 anni.

Ingresso € 8,00 da destinare al “Fondo Concetto Armonico” per sostenere la musica e i giovani artisti.

 

Martedi 23 – sabato 27 luglio 2013 – dalle ore 10 alle ore 18

Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari
Master Class di canto da camera con il M° Norman Shetler. Accompagna al pianoforte il M° Fausto Di Benedetto.

 

Giovedi 25 luglio 2013 – ore 17

Oratorio dei Proti
Concerto di musica cameristica degli allievi della Master Class di canto da camera del professore M° Norman Shetler. Accompagna al pianoforte il M° Fausto Di Benedetto.

Presentazione del libro storico Il segreto nello sguardo. Memorie di Rosalba Carriera  della professoressa Valentina Casarotto.

Ingresso libero.

 

Sabato 27 luglio 2013

Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari
Il canto lirico: tecnica ed interpretazione, studio e palcoscenico – ore 16

Riflessioni con il professor Antonio Juvarra, tra i più grandi esperti italiani di tecnica vocale, sul significato del “cantare l’opera” e sul canto come espressione creativa. Storia, tradizione, tecnica ed interpretazione.

Concerto finale della Master Class del M° Norman Shetler – ore 17

Gli allievi della Master Class di canto lirico si esibiscono in brani di musica da camera perfezionati durante la settimana di studio con il M° Norman Shetler. Accompagna al pianoforte il M° Fausto Di Benedetto.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

 

Concetto Armonico

Associazione Culturale Internazionale

per la promozione delle Arti e della Musica
Via Coette Alte, 11
30100 Rottanova di Cavarzere, Venezia

Telefono 349 62 09 712
eMail: info@concettoarmonico.it
www.concettoarmonico.it

Concetto Armonico nasce nel 2011 a Rottanova di Cavarzere (Ve), piccola frazione che diede i natali al grande direttore d’orchestra Tullio Serafin che in questo modo si è voluto omaggiare, con l’obiettivo di fornire spazi ed opportunità ai giovani artisti che desiderano intraprendere una carriera nel Mondo dell’Opera e della musica classica. Nei due anni di vita l’associazione ha realizzato master class di canto lirico ad Assisi, concerti in Vaticano, a Vienna, Assisi, Vicenza, Chioggia, Cavarzere e Piove di Sacco. Giovani promesse della musica lirica hanno avuto la possibilità di esibirsi accanto ad artisti del calibro di Daniela Dessì, Katia Ricciarelli, Fabio Armiliato e Danilo Rigosa. Socio onorario e madrina dell’associazione è il soprano di fama internazionale Daniela Dessì.

I concerti realizzati dall’associazione sono sempre stati anche occasione per raccogliere fondi da destinare ad attività benefiche. Nel 2012 le offerte raccolte sono state devolute ad Apurimac onlus che opera nell’omonima regione sulle Ande Peruviane, come anche per i terremotati dell’Emilia, mentre per l’anno in corso l’aiuto andrà alla Comunità Shalom di Palazzolo (Bs) fondata da Suor Rosalina per aiutare i giovani in difficoltà.

 

 

                                                                                                                                      Nota informativa

 

Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, Vicenza

Le meraviglie di una residenza barocca. Lo stupore di fronte alla maggiore collezione di icone russe in Occidente.

 

Palazzo Leoni Montanari, sede storica della Banca Cattolica del Veneto, è una prestigiosa dimora vicentina di fine Seicento, che spicca per l’esuberanza decorativa e scenografica tipica del gusto barocco.

La trasformazione di questo palazzo nelle omonime Gallerie, dopo un accurato intervento di restauro realizzato alla fine degli anni Novanta, è stata la prima iniziativa museale che Intesa Sanpaolo ha intrapreso con il desiderio di mettere a disposizione della collettività i tesori d’arte di cui l’Istituto è proprietario.

Gli ambienti del piano nobile del palazzo ospitano una preziosa raccolta di pittura veneta del XVIII secolo, espressione dell’ultima, splendida stagione pittorica della Serenissima, tra cui si segnalano un nutrito corpus di tele di Pietro Longhi, vedute urbane e “capricci” architettonici di Canaletto, Luca Carlevarijs, Francesco Guardi, Michele Marieschi e altri.

Al piano alto delle Gallerie, una atmosfera rarefatta, immersa nella penombra e nella musica, accompagna il visitatore in un viaggio nella luce e nel mistero di centoquaranta icone russe dal XIII al XIX secolo. Le immagini sacre, che appartengono alla più importante collezione di antiche icone russe in Occidente, sono esposte secondo un itinerario che affronta i temi della tradizione liturgica ortodossa.

Le icone non esposte (circa trecentoventi) sono custodite in un deposito allestito secondo i più moderni criteri di conservazione nei locali annessi al palazzo. Sono attivi inoltre un laboratorio di restauro e una biblioteca specialistica per gli approfondimenti storico-culturali legati all’arte dell’icona. Dai computer della biblioteca è inoltre possibile consultare l’Index of Christian Art, l’importante archivio di documenti e immagini dedicato all’arte cristiana, sviluppato dalla Princeton University.

 

Nel corso degli anni, le Gallerie hanno ospitato numerose esposizioni temporanee, promosse e curate da Intesa Sanpaolo, secondo alcune direttrici.

L’interesse ad approfondire la conoscenza del mondo culturale, spirituale e artistico dell’Oriente cristiano – suggerito dalla collezione di icone russe – si declina in un programma di mostre a cadenza ritmata promosso in collaborazione con importanti musei nazionali e internazionali. Tra le esposizioni più recenti ricordiamo Avanguardia russa. Esperienze di un mondo nuovo, con oltre 80 opere del primo Novecento provenienti da cinque musei russi, in un dialogo inedito con le icone della collezione Intesa Sanpaolo.

Mostre dedicate alla conoscenza e alla valorizzazione del patrimonio storico-artistico di proprietà della Banca vengono promosse periodicamente.

Molte di queste esperienze positive trovano la possibilità di realizzarsi – insieme ad ulteriori e diversificati progetti espositivi – anche nelle altre Gallerie di Intesa Sanpaolo (Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli e Piazza Scala a Milano), nell’ambito di una dimensione di dialogo fra i diversi poli museali della Banca, nonché in altre città italiane, attraverso la cooperazione con le principali istituzioni culturali del Paese.

Un ruolo importante, inoltre, è assegnato ai laboratori didattici. In questo campo le Gallerie di Palazzo Leoni Montanari hanno elaborato una singolare esperienza di didattica museale, rivolta a bambini e ragazzi, ma anche ad adulti e a docenti: il programma, articolato nelle proposte Dal Buio alla Luce e Zefiro torna, propone un coinvolgente itinerario che, attraverso l’analisi percettiva delle immagini, avvicina il pubblico al complesso e affascinante mondo dell’arte. Itinerari didattici specifici vengono inoltre progettati in occasione delle mostre temporanee.

Numerose e continuative sono anche le iniziative musicali promosse dalle Gallerie, nell’intento di creare percorsi che coniughino arte e musica. L’attenzione nei confronti del mondo della scuola si esprime anche nel settore musicale, grazie alla straordinaria disponibilità di maestri come András Schiff, Leon Spierer, Salvatore Accardo e Filippo Faes, che consentono di tenere a Palazzo Leoni Montanari prove aperte riservate alle scuole.

 

La sede espositiva di Intesa Sanpaolo a Vicenza si qualifica quindi non solo come uno spazio museale, ma anche come un vivace centro culturale che ospita una variegata programmazione di eventi volti al coinvolgimento del pubblico più vasto; si propongono convegni, conferenze, cicli di lezioni, musica classica e jazz, danza, laboratori teatrali, reading poetici, anche in partnership con le istituzioni locali, a dimostrazione del legame che unisce la Banca al contesto territoriale nel quale opera.

Nel corso dell’anno è previsto un programma di ampliamento e riorganizzazione delle Gallerie vicentine, che si pone come principale obiettivo l’integrazione del nucleo di opere pertinenti al Settecento veneto – concentrando a Vicenza numerosi dipinti attualmente collocati in diverse sedi del Gruppo – e l’esposizione a rotazione delle splendida collezione di ceramiche attiche e magnogreche, oggi custodita presso i depositi di Palazzo Leoni Montanari.

 

 

 

 

 

Nel logo di Vicenza in Lirica particolare di: Pietro Longhi (cerchia di), La lezione di musica, 1760-1770 ca, Collezione Intesa Sanpaolo, Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, Vicenza