Festival Vicenza in Lirica 2021
L’Opera è Giovane”
Vicenza 28 agosto – 12 settembre 2021

Speciale appuntamento con la musica sacra venerdì 3 settembre per Vicenza in Lirica, la rassegna organizzata dall’Associazione Concetto Armonico con la direzione artistica di Andrea Castello. In cartellone l’atteso ritorno al Festival del celebre baritono Leo Nucci.

Sarà la storica cornice della Chiesa di San Lorenzo, dove si respira l’aria di un lontano passato, ad ospitare venerdì 3 settembre alle 21, il concerto “Pregando con la musica” che vede l’atteso ritorno al Festival Vicenza in Lirica del grande baritono Leo Nucci. Con un programma interamente dedicato al repertorio sacro, Leo Nucci si addentrerà tra partiture cariche di maestria compositiva e di sentimento per captare ed evocare con raffinata profondità lo spirito del tempo, in un colorato mosaico di note e di parole. In scaletta un ventaglio di celebri lavori di musica sacra, dal Kirye di compositore ignoto al Panis Angelicus di C.A. Franck, da O mio Signor di G.F. Haendel a Ave Verum Corpus di W.A. Mozart. E in chiusura, dopo aver affrontato pagine anche di Albinoni, Stradella, Gounod e Schubert, due brani di Giuseppe Verdi, la struggente Ave Maria tratta da Otello e l’aria Dio di Giuda da Nabucco.

Un concerto che apre uno scrigno di storie e delicate emozioni, con i moti dell’anima espressi in un’altissima creatività. E in scena, ad accompagnare il pubblico nell’incanto di una musica intrecciata a testi che riflettono i sentimenti universali dell’animo umano, il Quartetto Armonía costituito, oltre che da Leo Nucci che per l’occasione sarà anche violoncellista, dal soprano Elisa Maffi, da Marco Righi al violoncello e da Paolo Marcarini direttore arrangiatore all’organo.

Il Festival, ideato e promosso dall’associazione Concetto Armonico con la direzione artisticadi Andrea Castello, gode del sostegno del Ministero della Cultura, della collaborazione, del sostegno e del patrocinio del Comune di Vicenza, del patrocinio della Regione del Veneto, Provincia di Vicenza, Archivio storico Tullio Serafin, Teatro La Fenice. Gode dell’alto patrocinio del Parlamento Europeo per la serata benefica del 29 agosto e si sviluppa grazie all’appoggio fondamentale di sponsor privati, partner e collaborazioni.


Venerdì 3 settembre, ore 21
CHIESA DI SAN LORENZO
Leo Nucci – Pregando con la musica
Concerto di musiche tratte dal repertorio sacro.
Con il Quartetto armonía (harmony quartet)Interpreti: Elisa Maffi (soprano), Leo Nucci (baritono e violoncello), Marco Righi(violoncello), Paolo Marcarini(direttore arrangiatore all’organo).

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.

Profili

LEO NUCCI
E’ un baritono italiano, nato il 16 Aprile 1942, a Castiglione dei Pepoli, vicino a Bologna. Ha studiato con Giuseppe Marchesi e Mario Bigazzi, perfezionandosi poi, a Milano, con Ottavio Bizzarri.
Il suo debutto risale al 1967, quando vinse il concorso al Teatro lirico sperimentale di Spoleto e interpretò il ruolo di Figaro nell’opera Il barbiere di Siviglia di Rossini. Per motivi personali dovette però interrompere quasi subito questa attività, e per alcuni anni Leo Nucci fu cantante nel coro del Teatro alla Scala. Solo nel 1975, ripresi gli studi, tornò all’opera come baritono, in un ruolo da solista, con un importante debutto alla Scala sempre nel ruolo di Figaro, per sostituire Angelo Romero. La sua carriera prese il volo anche a livello internazionale, quando nel 1978 debuttò alla Royal Opera House di Londra, come Miller nell’opera Luisa Miller, nel 1978, e in Un ballo in maschera, di Giuseppe Verdi, prima al Metropolitan Opera di New York, nel 1980, poi a Parigi all’Opera, nel 1981, sempre nel ruolo di Renato. Nel 1989 fu a Salisburgo con la direzione di Herbert Von Karajan. Tra il 1991 e il 2008 è stato spesso in scena all’Arena di Verona, specialmente nei ruolo di Nabucco e Rigoletto. Il suo repertorio abbraccia tutto il repertorio italiano dal bel canto al verismo, ma la sua voce e le sue capacità drammatiche sono perfette in particolare per le opere verdiane (ha interpretato Rigoletto, Amonasro nell’Aida, Macbeth, Iago nell’Otello, Giorgio Germont ne La traviata, Nabucco, Miller nella Luisa Miller, Carlo V nell’Ernani, Renato in Un ballo in maschera, Rodrigo nel Don Carlos). Negli ultimi anni si è intensificato il rapporto con il Festival Verdi e con il Teatro Regio di Parma.
Il Nucci baritono è ancora attivo, nel 2011 ha interpretato il ruolo di Nabucco al Teatro dell’Opera di Roma, in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

ELISA MAFFI
Dopo aver conseguito il diploma in canto lirico presso il Conservatorio Giuseppe Verdi e la laurea magistrale in lingue e letterature straniere presso l’Università degli Studi di Milano, si perfeziona sotto la guida del celebre soprano Raina Kabaivanska a Modena e in Bulgaria. Interessata allo studio della musica dal punto di vista scientifico, sta ultimando gli studi per il conseguimento della laurea magistrale in Musicologia a Cremona. Finalista in diversi concorsi e vincitrice di numerosi premi e borse di studio (Spiros Argiris, F. Labò, Pergine Spettacolo Aperto, Richard Wagner Stipendienstiftung) – ultimi dei quali il premio Maria Callas 2017 a Verona e il premio speciale intitolato a Cheryl Studer 2018 a Berlino –  ha debuttato sia in Italia che in Europa in molti ruoli del suo repertorio di soprano che spazia dal Settecento alla musica contemporanea: dalla Lucia di Donizetti alla Musetta pucciniana senza dimenticare Gilda, Norina, Adina e Giannetta, Zerlina e Donna Elvira, Rita, Lola, Valencienne, Lauretta, Pamina, Oscar debuttato all’Opera di Brasov ed interpretato in diversi teatri austriaci e tedeschi, così come la più recente Micaela in Carmen o Clorinda al Pafos Aphrodite Festival di Cipro, Rowan ne The little sweep al Teatro Pavarotti  di Modena, Sophie in  Werther al Teatro di Sofia, Betly, protagonista dell’omonima opera, al Teatro Sociale di Bergamo e in Svizzera, Anna al Teatro d’opera di Kiev. Voce duttile, sta affrontando ruoli più lirici come Liù, Mimì e Donna Anna. Vanta alcune prime esecuzioni mondiali: La finta semplice di M. Varriale a Bergamo (Teatro Donizetti), il Ciclo di Lieder per soprano di J. Doderer a Erfurt, Berlino, Brema e Milano. E’ del dicembre 2016 la sua esecuzione in prima mondiale della selezione dell’opera Il Sordo di P. Marcarini al Teatro Fraschini di Pavia. Artista eclettica e raffinata interprete sia d'opera che di musica cameristica, affianca all’attività teatrale un’intensa attività concertistica solistica in prestigiosi teatri del mondo tra cui il New York City Center, Espace Pierre Cardin e Théatre Folies Bergère di Parigi, Arena di Verona (Opera on Ice 2017), Arena di Fréjus e Arena di ElJem. Ha collaborato altresì con prestigiose fondazioni tra cui la Fondazione Pavarotti International e con illustri nomi del panorama lirico internazionale e dello spettacolo tra cui ricordiamo il Maestro Leo Nucci, Andrea Bocelli, Andrea Griminelli, Elio, Gerardo Placido.

MARCO RIGHI
Marco Righi diplomato brillantemente al conservatorio “ A. Boito” di Parma, perfezionandosi con i maestri Enrico Bronzi; Enrico Dindo e Sandro Lafranchini presso l’accademia della scala. Previa audizioni collabora con le seguenti orchestre: Orch. Pomeriggi Musicali; Orch. Verdi; Orch. regionale delle Marche; Orch. Toscanini; Milano Classica, Orch. filarmonica Italiana; Orch. Fil. di S. Remo; Orch. Cantelli; Orch. Festival Pucciniano ecc… Vincitore al concorso L.Perosi di Biella e al concorso di Musica da camera “ Acqui Musica” di Acqui Terme. Svolge attività cameristica in duo con pianoforte e in quartetto d’archi. Dal 2009 è docente di Violoncello presso l’Accademia di Musica “F. Gaffurio” di Lodi.

PAOLO MARCARINI
Diplomato in pianoforte presso il Conservatorio “G.Verdi” di Milano sotto la guida del maestro Carlo Vidusso ha in seguito conseguito il diploma di clavicembalo presso il Conservatorio “G.Nicolini” di Piacenza. In veste d’accompagnatore si è esibito con famosi cantanti quali Carlo Tagliabue, Giuseppe Di Stefano, Raina Kabaiwanska, Mariella Devia, Simon Estes, Cecilia Bartoli, Katia Ricciarelli, Daniela Dessì, Luciana Serra, Renato Bruson e principalmente Leo Nucci con il quale collabora attivamente fin dall’inizio della sua carriera. E’ fondatore insieme con Nucci del “Salotto ‘800”, ensemble col quale hanno tenuto memorabili concerti nei più prestigiosi teatri di Italia, Francia, Austria, Germania, Svizzera, Croazia, Cile, Giappone. In qualità di arrangiatore ha avuto vastissimi consensi di critica a livello mondiale per gli arrangiamenti del disco Decca “Parlami d’amore” (romanze e canzoni italiane e napoletane) interpretato da Leo Nucci . Come compositore ha musicato l’opera lirica “Il Sordo” su libretto di Leo Nucci, rappresentata con grande successo a Capodanno 2020 presso il Teatro Municipale di Piacenza. Le sue riduzioni strumentali di opere liriche (che gli sono richieste ed eseguite in gran parte del mondo) fanno parte del “Proietto Marcarini” presentato dal Teatro Municipal di Santiago del Cile, approvato e sostenuto dal governo cileno, con lo scopo di portare, con costi molto contenuti, l’opera lirica in tutto il Cile. Nel 2007 il Presidente della Repubblica gli ha concesso, per meriti artistici, l’onorificenza di Commendatore “Al Merito della Repubblica Italiana”.

Informazioni, biglietti e prevendite:
Biglietteria in prevendita nel circuito vivaticket.com
Prenotazioni biglietteria@vicenzainlirica.it
Biglietteria del Teatro Olimpico, dal 24 agosto al 12 settembre, orari 10-12/15-17 (lunedì chiuso).

Ufficio stampa
Studio Pierrepi – Padova
Alessandra Canella
mob. (+39) 345 7154654
canella@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it